L’aeroporto di Glasgow ha convertito le navette che collegano i parcheggi per i lunghi soggiorni in modalità elettrica a emissioni zero con l’introduzione di tre bus a batteria BYD ADL Enviro200EV. L’aeroporto di Glasgow diventa così il primo nel Regno Unito a utilizzare navette completamente elettriche. Gli autobus sono gestiti da NCP per conto dell’aeroporto e sostituiscono tre autobus diesel esistenti.
Sia i mezzi che l’infrastruttura di ricarica sono stati forniti da Alexander Dennis e dal partner BYD. La loro introduzione è stata supportata da Transport Scotland con una sovvenzione di 450 mila sterline per il Green Bus Fund.
L’Enviro200EV per l’aeroporto di Glasgow combina la trasmissione elettrica BYD e la tecnologia della batteria con la carrozzeria di Alexander Dennis per adattarsi ai requisiti di funzionamento dell’aeroporto. Lunghi 10,8 metri e provvisti di due porte, gli autobus dispongono di un’ampio portapacchi e 23 posti a sedere. Previsto anche uno spazio per sedie a rotelle. L’infrastruttura di ricarica è stata installata presso la base operativa nel parcheggio riservato ai lunghi soggiorni dell’aeroporto.
«I vantaggi ambientali e le notevoli riduzioni dei costi associati all’introduzione di questi veicoli elettrici sono stati molto interessanti», afferma Mark Johnston, amministratore delegato dell’aeroporto di Glasgow. «Il passaggio a un autobus completamente elettrico riduce di 143 tonnellate all’anno a zero le emissioni di carbonio del trasporto passeggeri da e per il nostro parcheggio, e questa significativa riduzione è ulteriormente supportata dal fatto che l’elettricità dell’aeroporto è fornita anche tramite energia rinnovabile».

BYD ADL Enviro200EV x Glasgow Airport 2019