Il nuovo MAN Lion’s City EfficientHybrid si è fatto vedere (e provare) sulle strade di Villafranca di Verona nella versione snodata da 18 metri. L’occasione è stata offerta dalla presentazione sul mercato italiano di MAN Transport Solutions, divisione dedicata alla consulenza per le soluzioni di trasporto alternative. L’evento si è svolto il 2 ottobre tra i mezzi d’epoca e i motori del museo Nicolis di Villafranca di Verona. Tra gli invitati, i responsabili di aziende pubbliche e private che hanno potuto ‘assaggiare’ su strada le qualità del nuovo urbano ibrido leggero MAN con tecnologia EfficientHybrid. Componente principale del sistema è un elettromotore montato nella catena cinematica tra il motore a combustione e il cambio, fungendo da generatore di avvio dell’albero motore. L’energia recuperata in frenata viene accumulata in un condensatore UltraCap sul tetto ed impiegata per alimentare il sistema di bordo a 24 volt. Con la funzione start/stop, poi, il motore diesel si spegne automaticamente alle fermate e ai semafori rossi. «La riduzione dei consumi è intorno al 15%», ha sottolineato Giovanni Tosi, responsabile Marketing di prodotto bus alla MAN Truck&Bus Italia.

Prevista fra un mese la produzione in serie (in Polonia). Il veicolo è omologato come autobus ibrido.

Il modulo MAN EfficientHybrid può essere montato sui Lion’s City da 12 e 18 metri e, prossimamente, anche sul 19 metri in prossima visione al Busworld di Bruxelles. 

Per quanto riguarda la versione ‘full electric’ del Lion’s City, il direttore di MAN Transport Solutions, Michael Voll, ha ricordato le tre scelte strategiche di MAN, ovvero «ricarica in deposito e non esterna, via connettore plugin per la massima compatibilità e motore centrale, quindi non nei mozzi ruota, per l’impiego di componenti già noti così da agevolare manutenzione e assistenza». Tempo di ricarica previsto: meno di 3 ore per una ricarica completa mediante presa CCS fino a 150 kW. Gli assi sono gli stessi degli urbani MAN. I sei moduli batteria (NMC agli ioni di litio) sono montati sul tetto nella parte retrostante del veicolo. La potenza del motore raggiunge i 160 kW sul 12 metri e i 540 sull’articolato con due motori centrali. E l’autonomia? «Da un minimo di 200 km nel giorno peggiore dell’anno e con batterie già in là con gli anni fino ai 270 in condizioni favorevoli», puntualizza Voll.

Attualmene il MAN Lion’s City E è in fase dimostrativa. Dopo il debutto al summit UITP di Stoccolma lo scorso giugno, farà tappa al Busworld. Poi nel 2020 una quindicina di unità verranno testate dalle aziende trasporti di Amburgo, Monaco di Baviera, Wolfsburg, Barcellona e Lussemburgo. La produzione effettiva partirà a ottobre 2020.

Oltre ad elettrici ed ibridi leggeri, l’offerta di MAN comprende gli autobus a metano (8mila esemplari prodotti) e gli autobus ‘full hybrid’ (750 esemplari in circolazione). Da non dimenticare la sperimentazione in servizio passeggeri all’aeroporto di Monaco del prototipo a idrogeno. 

MAN Lion's City EfficientHybrid presentato a Verona 2019-interni
MAN Lion's City Efficient Hybrid 18 mtpresentato a Verona 2019