Il produttore britannico Alexander Dennis ha annunciato che è stato acquisito dalla società canadese NFI Group in un affare da 320 milioni di sterline. NFI è noto come il produttore di autobus più grande e diversificato del Nord America con oltre 6.300 dipendenti tra Canada e Stati Uniti.

«Possiamo essere orgogliosi della trasformazione della nostra azienda da un tradizionale costruttore di autobus nel Regno Unito ad un leader globale con entrate annuali nel 2018 superiori a 630 milioni di sterline», ha detto Colin Robertson, amministratore delegato di Alexander Dennis Limited (ADL). «Non vediamo l’ora di diventare una parte importante della NFI pur mantenendo la nostra identità. Questa partnership è una misura complementare per entrambe le parti, consentendo la condivisione delle migliori pratiche e lo sviluppo tecnologico, per formare uno dei più grandi produttori indipendenti di autobus e pullman del mondo».

Il presidente e amministratore delegato della NFI, Paul Soubry, ha aggiunto: «ADL è il primo produttore di autobus del Regno Unito e il primo produttore globale di autobus a due piani, con una presenza internazionale consolidata ed è riconosciuto come leader noto per prodotti innovativi e un impegno per la qualità e il servizio. Siamo entusiasti di avere ADL nella famiglia NFI e di investire in una storia di successo di ingegneria e produzione così grande e in un’azienda che conosciamo già così bene».

Con sede a Falkirk, in Scozia, Alexander Dennis ha una storia che dura da oltre un secolo. La società è stata fondata nel 2004 quando un consorzio di imprenditori scozzesi ha acquisito l’azienda dagli amministratori di TransBus International. ADL impiega circa 2.500 persone in tutte le sue attività nel Regno Unito e ne supporta altre 1.500 tramite filiali e crea partnership a livello globale.

ADL acquisita da NFI Group