Stop della produzione in buona parte degli impianti europei del Gruppo Daimler per un periodo iniziale di due settimane. Lo ha annunciato il 17 marzo la multinazionale tedesca a causa del peggioramento della situazione per la pandemia di COVID-19. Il lavoro proseguirà solo in determinati ambiti amministrativi. Con tale misura, la società si adegua alle raccomandazioni delle autorità internazionali, nazionali e locali in questo periodo di emergenza. La sospensione vale per gli impianti di auto, furgoni e veicoli commerciali di Daimler in Europa e inizierà questa settimana. A ciò si collega una valutazione circa le catene di approvvigionamento globali che al momento non possono essere mantenute a pieno regime. 
«Con queste chiusure, Daimler intende proteggere la forza lavoro, interrompere la catena di infezioni e contenere la diffusione della pandemia», si legge in un comunicato aziendale. «Allo contempo, ciò aiuterà l’azienda a prepararsi per un periodo di domanda temporaneamente inferiore e a proteggere la propria solidità finanziaria. Il management di Daimler sta monitorando costantemente la situazione e prenderà ulteriori misure se necessario. L’attività regolare riprenderà quando la situazione sarà migliorata».

Daimler ferma produzione in Europa x coronavirus 2020