Era stata riprogrammata per il 6-9 ottobre ma, vista la situazione Covid-19, gli organizzatori hanno deciso di rinviarla ulteriormente. E così la Fiera internazionale dell’autobus (FIAA) di Madrid si terrà nel marzo 2021. Una decisione precauzionale quella presa dal Comitato organizzatore «dato il complicato scenario che questo settore sta attraversando», sottolinea il presidente del Comitato Rafael Barbadillo. «È uno dei più colpiti dalla crisi attuale e dalle conseguenti difficoltà di viaggio. L’anno prossimo ci aspettiamo di tornare alla normalità, con la libertà di movimento che consentirà ai visitatori di venire in fiera da altri Paesi, rafforzando ulteriormente il carattere internazionale dell’evento».

«FIAA fornirà uno spazio commerciale e di vendita che contribuirà al rilancio di questo settore in uno scenario che dovrebbe essere più favorevole entro marzo del prossimo anno», prospettano gli organizzatori. «Si prevede che durante l’ultimo trimestre 2020 i viaggi in autobus si riprenderanno fino al 70%, consolidando la posizione all’inizio del 2021. Si prevede inoltre una ripresa nel settore del turismo, dell’economia e dei viaggi internazionali. A quel punto, le attività commerciali e i marchi di carrozzeria avranno maggiori nuovi sviluppi rispetto a ottobre, poiché i progressi sono rallentati a causa della situazione attuale».

FIAA Madrid rimandiata al 2021